Zum Inhalt springen
Qui per Voi in maniera semplice
Vi trovate qui: Home > Servizio > Domande frequenti

Domande frequenti

  • Come mai il mio valore di riscatto è così basso?

    La vostra polizza ASPECTA serve in ugual misura da protezione e da costituzione di patrimonio sul lungo periodo.

    La componente assicurativa della vostra polizza ASPECTA offre protezione ai coniugi, figli, nipoti, conviventi, ecc. in caso di decesso della persona assicurata. A questo scopo garantiamo dal primo giorno della durata dell’assicurazione la somma in caso di decesso concordata. È inoltre possibile concordare con noi dal primo giorno della durata assicurativa esoneri dal pagamento dei premi e anche pagamenti di rendite in caso di incapacità di guadagno in seguito a infortunio o malattia. In tale contesto un esonero dal pagamento del premio significa che nel caso di incapacità di guadagno noi ci assumiamo tutti i pagamenti dei premi fino al ripristino della vostra capacità di guadagno, se è stata sottoscritta un’assicurazione integrativa. Siamo certi che voi potete capire che non possiamo offrire questa vasta gamma di prestazioni gratuitamente.

    Il secondo obiettivo consiste nella costituzione del patrimonio sul lungo periodo. Sul lungo periodo per il fatto che in borsa di solito si alternano fasi favorevoli e altre meno favorevoli per gli investitori. Sulla base dell’effetto cost-average – vale a dire della situazione per cui nelle fasi di borsa percepite come sfavorevoli, con una certa somma di denaro si può acquisire una quantità maggiore di quote di fondi che poi, in momenti di quotazioni di borsa in rialzo, possono condurre ad un aumento del patrimonio superiore alla media – è consigliabile considerare una polizza legata a fondi come un investimento di lungo periodo.

    La vostra polizza ASPECTA vi offre dunque una combinazione interessante di una copertura assicurativa per il caso di decesso e, se è stata stipulata un’assicurazione integrativa, in caso di incapacità di guadagno, che comincia il primo giorno di durata della polizza, con la possibilità di una costituzione di capitale sul lungo periodo. In tale contesto vi invitiamo a considerare il fatto che le spese di stipulazione vengono detratte dai premi sempre nei primi anni del vostro contratto assicurativo. Tenuto conto di questo aspetto la vostra polizza ASPECTA è un investimento sul lungo periodo che può risultare vantaggiosa solo su durate più lunghe.
  • La mia polizza di assicurazione sulla vita offre una prestazione garantita in caso di vita?

    Quando avete stipulato la vostra polizza ASPECTA vi siete decisi a favore di una soluzione previdenziale legata a fondi. La quota di risparmio dei vostri premi viene investita nelle quote di fondi di investimento scelti da voi o (gruppo tariffario 45) dal gestore patrimoniale da voi incaricato. L’evoluzione del valore dei fondi di investimento dipende a sua volta dall’evoluzione dei mercati internazionali dei capitali. Con i fondi di investimento approfittate dunque dei corsi in rialzo delle borse, ma dovete mettere in conto perdite in caso di corsi al ribasso. Sulla base di queste circostanze non possiamo offrirvi alcuna prestazione garantita in caso di vita nell’ambito della vostra polizza ASPECTA.

    In tale contesto è bene sapere che su un orizzonte temporale a lungo termine (durata dell’investimento di capitale > 10 anni) si può trarre vantaggio anche da fasi di basse quotazioni in borsa sulla base del cosiddetto «effetto cost-average» (o effetto del costo medio). Potete ottenere maggiori informazioni sul risparmio in fondi nelle pagine del menu «Approfondimenti». E naturalmente il nostro Servizio clienti e il vostro consulente sono a disposizione per ulteriori domande o spiegazioni.
  • Come posso provvedere a modificare il mio contratto?

    In conformità alle prescrizioni di legge, per provvedere a modificare il contratto è necessario il conferimento di un incarico sottoscritto dal contraente o da una persona dotata di un mandato sufficiente da parte di quest’ultimo. Attraverso il nostro modulo di modifica potete provvedere a diverse modifiche della vostra polizza ASPECTA in modo del tutto semplice e agile. Scaricate il modulo di modifica dal nostro sito, compilate debitamente i campi per i quali vorreste avere le modifiche alla vostra polizza ASPECTA, firmatelo e speditelo a noi per posta. Provvederemo a dare seguito al più presto alle vostre richieste di modifica. Se avete domande o dubbi, contattate direttamente noi o il vostro consulente, saremo lieti di assistervi nelle vostre richieste.

     

  • Quali requisiti stabilisce il legislatore per il riscatto di una polizza di previdenza vincolata («polizza 3a»)?

    Il legislatore consente il riscatto di una polizza della previdenza vincolata («polizza 3a») esclusivamente in caso di scioglimento del rapporto di previdenza per i seguenti motivi:

    a) quando il contraente percepisce una rendita d’invalidità intera (grado di incapacità di guadagno del 100%) dell’assicurazione federale per l’invalidità e il rischio d’invalidità non è assicurato nella polizza di previdenza;

    b) se il contraente utilizza la prestazione corrisposta per il riscatto di quote in un istituto di previdenza esentasse o l’impiega per un’altra forma riconosciuta di previdenza;

    c) se il contraente pone termine alla propria attività lucrativa esercitata fino a quel momento in modo indipendente e ne inizia un’altra indipendente di genere diverso;

    d) se il contraente abbandona definitivamente la Svizzera;

    e) se un contraente, fino a quel momento assunto come lavoratore dipendente, inizia un’attività lucrativa indipendente senza essere più soggetto alla previdenza professionale obbligatoria;

    f) se la prestazione di vecchiaia viene utilizzata per l’acquisto o la costruzione di una proprietà d’abitazione per uso proprio (o per una partecipazione alla stessa) nonché per il rimborso di mutui ipotecari. La corresponsione di prestazioni di vecchiaia per questo motivo può essere richiesta ogni cinque anni;

    g) se la prestazione d’uscita è inferiore al suo premio annuo.

    Per i contraenti coniugati, il versamento degli averi nei casi da c) a g) è legato al consenso scritto da parte del coniuge.